Cambi

22 aprile of 2012 by

Cambi è uno di quegli alimentari dove il tempo sembra essersi  fermato a metà dello scorso secolo, e più precisamente nel 1951, anno in cui è stato fondato. Ma non fraintendete, il locale è stato di fresco ristrutturato, anche in maniera piuttosto moderna, e a renderlo così retrò è indiscutibilmente lo stile dei ragazzi che ci lavorano e che con passione portano avanti questa gastronomia in pieno centro di Roma.

Il cuore di Cambi è sicuramente il forno, che alimenta sia la pizzeria al taglio, nell’ala destra della bottega, sia il buffet freddo, che a mio parere è il loro punto di forza e di cui voglio parlarvi: divini panini senza lievito (ma con tutti i grassi) sempre freschi e fragranti e pizze  bianche romane entrambi farciti con bresaola, prosciutto crudo, mozzarella, cicoria ripassata, salame, capocollo, verdure grigliate, cotoletta, petto di pollo, salmone e sicuramente starò dimenticando qualcosa.

E poi, immancabili, sono la pizza rossa, rigorosamente bassa e croccantissima, e la pizza bianca “scrocchiarella”, simile ad una sfoglia fragrante e autentico grande classico dei veri alimentari romani “di una volta”. A completare la zona dei salati, oltre alle pizzette mignon in vari gusti, ci sono dei caserecci tramezzini, delle insalate, delle macedonie e delle paste fredde, che rispondono però più alle esigenze di un pasto veloce da lavoro.

Peccato sarebbe uscire da Cambi senza aver provato la loro superba pasticceria da forno, con in testa i fagottini e le crostatine alle visciole, e a seguire gli occhi di bue, i ventagli, i biscotti al cioccolato, le lingue di gatto e tanti altri pasticcini, tutti caratterizzati dalla grande artigianalità e dall’utilizzo di buone materie prime come il burro, perché per quanto possa sembrare assurdo doverlo sottolineare è ormai raro trovare forni che non l’abbiano sostituito con del più economico grasso vegetale.

Quando si dice che le dimensioni non contano, da Cambi l’hanno preso in parola, e hanno approfittato della recente ristrutturazione per fare anche un piccolo angolo bar che ha contribuito a dare vita al locale a tutte le ore della giornata. Insomma, credo che di buone ragioni per andare da Cambi oramai ne abbiate a sufficienza e se qualche incertezza ancora vi è rimasta vi basti sapere che i dirimpettai della bottega sono gli uffici della boutique Fendi e posso assicurarvi che alla contabilità non hanno assunto il Ragionier Fantozzi….intendo???? (*)

(*) Céline si dissocia dall’ultimo periodo della recensione.

Prezzo:2/4 euro
Zona: Via del Corso, centro storico
Monumento/attrazione turistica: Ara Pacis, Via Condotti, Piazza di Spagna
Tipologia: Gastronomia
Indirizzo:Via del Leoncino 30
Orari: 7 – 20_chiuso la Domenica
Voto: 4/5
 
[google-map-sc zoom=”15″]

Previous:

Dar Filettaro

Next:

Gelateria Corona

You may also like

Post a new comment