Street food il gusto dei nostri ricordi

28 marzo of 2013 by

20111106_logo drink-0320111106_logo hamburger-03Sotto i portici del bar Davi di Aprilia a Piazza Roma, di fresco ristrutturato e arricchito della cucina, siamo stati accolti Martedì sera da un’insolita coppia dietro un bancone con olio fumante e vassoi colmi di  prelibatezze pronte per essere fritte: Marco Davi, padrone di casa e chef del ristorante Per Bacco di Aprilia, e Dino De Bellis, chef del Salotto Culinario.

Marco Davi e Dino De Bellis

Il titolo della serata era “Street food il gusto dei nostri ricordi” e la prima cosa che abbiamo pensato dopo aver buttato un occhio ai generosi piatti che ci hanno servito è stata: beati loro che hanno questi ricordi, perchè un fritto così noi non lo avevamo mai davvero mangiato.

I fritti

I fritti

Siamo partiti con delle zeppole alle ortiche, impasto lievitato con farina del Mulino Marino, ortiche verdissime tritare e via, giù nell’olio per un fritto gustoso, colorato e asciutto.

zeppole

Ci siamo poi buttati sul filettino di baccalà, anche qui cottura impeccabile, sapidità sapientemente controllata e consistenza del pesce sodissima.

filetto di baccalà

Supplì e Arancini, Roma contro Sicilia, ma a chi darla vinta? Il primo rosso vivo, con una spiaccata punta acida del pomodoro e con tanto ottimo formaggio, il secondo, candido di riso e besciamella e con piselli verdissimi. Sfida finità in pari, impossible scegliere fra due fritti asciuttissimi e croccanti, neanche una pecca quindi nessun vincitore.

Il suppli

arrancine

Ultima gioia dal piatto dei fritti ci è arrivata dal Pane e Panelle che ci ha riappacificato con questo gigante del cibo di strada italiano, purtroppo ridotto a triste e smunta imitazione dai tanti siciliani che affollano l’offerta di Roma. Qui il pane era delizioso e leggero, arricchito da semi di sesamo e morbidissimo e le panelle letteralmente si fondevano in bocca, croccanti fuori e cremose e ricche dentro. Come si fa dopo un assaggio così a non programmare nei prossimi tre mesi un viaggio in Sicilia?

Pane e Panelle

Già un pò sazi ma mai domi ci siamo poi lanciati all’assalto dei panini, dove su tutti abbiamo apprezzato il panino con la porchetta preparata dai due chef, esaltante per la succosità e la tenerezza della carne, ed il pastrami, dove la sfiziosa speziatura della carne ed i cetriolini hanno dato giustizia ad un must dello street food purtroppo molto raro dalle nostre parti.

Panino con la porchetta

Pastrami

Mini hamburger e panino con cicoria, ricotta e alici hanno chiuso il copioso buffet, anche qui convincendo pienamente, l’uno per il guanciale croccante e l’altro per la perfetta combinazione degli ingredienti, con la ricotta dolce a spezzare ed ammorbidire la sapidità più aggressiva dell’alice.

Mini hamburger

Vedere dei classici del cibo di strada preparati a questi livelli è stata per noi una vera gioia e avere la possibilità di parlare con gli chef degli ingredienti, dei trucchi e delle tecniche mentre cucinavano, stando faccia a faccia divisi dal solo bancone, è stata la ciliegina sulla torta che ha reso il tutto autentico, il vero valore aggiunto delle cucine di strada.

Il bar

Siamo andati via dalla serata strappando agli chef Dino de Bellis e Marco Davi (ci sono voluti 4,5 secondi o forse meno per convincerli) una promessa: riproporre il magnifico evento di street food del bar Davi di Aprilia qui a Roma, in primavera o in estate. Se non riuscite ad aspettare l’organizzazione dell’evento, e volete conoscere prima i due chef, potete passare a trovarli nei loro ristoranti, Marco Davi al Per Bacco in Via Marconi 8 ad Aprilia e Dino de Bellis al Salotto Culinario in Via Tuscolana 1197/1201 a Roma. A proposito, se non avete prenotato ancora per Pasqua al Salotto Culinario hanno previsto un menù clamoroso, buttateci un occhio.

 Bar Davi

Previous:

Parlano di noi

Next:

Streatit su ginoeventi.it

You may also like